Servizi segreti USA

  • Air Intelligence Agency (AIA)
  • Army Intelligence Center
  • Bureau of Alcohol, Tobacco, Firearms and Explosives (ATF)
  • Central Intelligence Agency (CIA)
  • Coast Guard Intelligence
  • Defense Intelligence Agency (DIA)
  • Department of Energy - Office of Intelligence
  • Department of Homeland Security (DHS)
  • Department of State - Bureau of Intelligence and Research (INR)
  • Department of Transportation - Intelligence Coordination Center
  • Department of the Treasury - Office of Intelligence Support
  • Department of Homeland Security (DHS)
  • Drug Enforcement Administration (DEA)
  • Federal Bureau of Investigation (FBI)
  • Information Analysis and Infrastructure Protection Directorate
  • Marine Corps Intelligence Activity (MCIA)
  • National Clandestine Service (NCS)
  • National Drug Intelligence Center (NDIC)
  • National Geospatial-Intelligence Agency (NGA)
  • National Intelligence Council (NIC)
  • National Reconnaissance Office (NRO)
  • National Security Agency (NSA)
  • Office of Naval Intelligence (ONI)
  • United States Secret Service (USSS)
  • US Cyber Command
  • (in realtà molte di queste informazioni sono superate: dopo l'11 settembre il mondo dell'intelligence USA è stato
    completamente ristrutturato e ha visto una crescita mostruosa: qui un'approfondita inchiesta del Washington Post)

     

    Durante la seconda guerra mondiale i protagonisti del "grande gioco" furono gli agenti britannici, tedeschi, sovietici, ed il ruolo degli Stati Uniti rimase secondario: ma dal conflitto furono proprio gli USA ad emergere come potenza politico-militare di prima grandezza, anzi, come il paese più forte sul piano industriale e capofila del blocco occidentale.
    Non era pensabile, quindi, che i suoi servizi d'informazione fossero decisamente meno efficienti di quelli stranieri e l'unica organizzazione moderna in questo ambito, l'FBI di J.H. Hoover, si candidò ad assumere questo ruolo: il presidente Truman valutò che l'FBI aveva già fin troppo potere e così nel 1947 fu votato il National Security Act, con cui veniva definito il quadro della comunità dell'informazione: un organigramma più volte ridisegnato, ma che sostanzialmente resta quello impostato allora, con al vertice il Presidente e quindi una struttura generale di coordinamento dei vari servizi.
    A seguito degli attentati dell'11 settembre 2001, vi sono state numerose ristrutturazioni (quindi lo schema qui sopra è in parte superato), e in particolare, nel 2004, quella impostata dall'Intelligence Reform and Terrorism Prevention Act: che istituisce la National Intelligence, il cui direttore, che risponde al Presidente degli Stati Uniti, è il principale consigliere del Presidente, del National Security Council e dell'Homeland Security Council; dirige la United States Intelligence Community, composta da sedici membri; e supervisiona e dirige il National Intelligence Program.
    Comunque, per cercare di capirci qualcosa, prova qui.




    CIA

    La Central Intelligence Agency è il servizio più famoso, ma, a differenza di quanto si pensa, non quello principale: DIA e NSA sono molto più "discrete" ma decisamente più potenti.
    La CIA nasce nel 1947 - utilizzando anche molti uomini dei servizi segreti nazisti - dalla radicale trasformazione dell'OSS (Office of Strategic Services) e si occupa di raccogliere informazioni e di controspionaggio, anche se nel corso degli anni si è soprattutto specializzata in azioni operative clandestine in sintonia con la vocazione degli USA a diventare il gendarme del mondo. Altro ruolo fondamentale è stato quello di addestrare e "consigliare" i servizi e le polizie dei regimi autoritari di ogni continente, dall'America Latina alla Grecia dei colonnelli, dall'Iran dello Scià a molti Stati africani.
    Attualmente "The Company" ha sede a Langley, Virginia, conta circa 20.000 dipendenti (escludendo i "collaboratori non ufficiali"), ha un budget di vari miliardi di dollari e si articola in quattro settori: la Ricerca, la Direzione tecnologica, quella logistico-amministrativa, e la Direzione delle operazioni.
    Quest'ultima è sicuramente la più importante e le sue attività hanno segnato pesantemente tutta la vita politica del dopoguerra; tra le azioni più significative:


    • 1946-8: sostegno alle forze anticomuniste in Europa: finanziamenti alla DC, organizzazione di Stay Behind); fallimento delle iniziative di destabilizzazione in Ucraina, Bielorussia e Polonia
    • 1951-4: azioni in Estremo Oriente
    • 1953: progettazione del colpo di stato in Iran contro il governo progressista di Mossadek
    • 1954: colpo di stato in Guatemala
    • 1958: contrasto al presidente indonesiano Sukarno e supporto al massacro di oltre 500.000 comunisti
    • 1961: tentativo fallito d'invasione di Cuba (Baia dei Porci)
    • 1964: intervento massiccio in Zaire
    • 1964: addestramento delle forze anticomuniste e interventi diretti in Indocina
    • 1965: intervento in Perù
    • 1967: appoggio al governo boliviano contro Che Guevara
    • 1970-3: destabilizzazione del governo Allende in Cile
    • 1972-4: spionaggio contro i candidati democratici: scandalo Watergate (dimissioni di Nixon)
    • 1980-: sostegno alla Contra, la guerriglia controrivoluzionaria in Nicaragua.


    Qui
    un quadro più dettagliato e qui una rassegna del Washington Post di articoli e blog.
    E qui uno dei film più belli e veri.



    Con il Watergate e l'affare Iran-Contra (con i profitti della vendita di armi all'Iran si finanziava la controrivoluzione in Nicaragua) vengono alla luce alcuni degli aspetti più torbidi del lavoro della CIA, il cui strapotere è stato parzialmente ridimensionato. Ma le attività illegali e antidemocratiche possono proseguire su larga scala, e la CIA continua ad interferire pesantemente sulle vicende politiche mondiali: con un sussulto di dignità gli alleati europei prendono in parte le distanze da queste inverosimili interferenze (v. le azioni compiute illegalmente in Italia e in vari altri paesi).
    Sull'assassinio di J. F. Kennedy (1963) non si è mai fatta luce, ma numerose e attendibili versioni in contrasto con quella ufficiale sostengono la tesi del complotto del complesso militar-industriale, con la CIA e Cosa Nostra come elementi operativi, e con la connivenza dell'FBI.




    DIA



    A differenza della sorella minore CIA, la Defense Intelligence Agency è poco nota al grande pubblico, malgrado il suo budget sia circa il triplo: ha il compito di coordinare le attività dei tre servizi militari (quello dell'Aviazione è il maggiore) ed è collegata al National Reconnaissance Office, incaricato della cruciale gestione dei satelliti.
    Visto che il ruolo egemone degli USA si afferma in virtù dell'assoluta supremazia militare (in particolare dopo il crollo dell'URSS), è evidente che questo settore dell'intelligence è centrale.




    NSA



    Per molti anni la National Security Agency, la più colossale organizzazione di spionaggio del mondo, è rimasta pressochè sconosciuta, e lo stesso governo statunitense ne negava addirittura l'esistenza: ovviamente gli addetti ai lavori la conoscevano perfettamente, ma era essenziale che l'attenzione dei media rimanesse concentrata sugli aspetti più spettacolari (e irrealistici, e poco importava se gli uomini della CIA fossero rappresentati come cavalieri senza macchia e senza paura o come trucidi assassini) delle spy stories, piuttosto che mettere a fuoco una realtà complessa e per molti versi imbarazzante.
    Da quando le telecomunicazioni (fino a metà del secolo scorso intese soprattutto come trasmissioni radio) sono diventate cruciali, la Sigint, la Signal Intelligence, cioè l'acquisizione di informazioni mediante l'uso di apparecchiature elettroniche, ha assunto un ruolo decisivo, sia sul versante più noto, quello della Communication Intelligence (messaggi in senso stretto, generalmente facenti uso della crittografia), che su quello più prettamente tecnico, l'Electronic Intelligence, vale a dire comunicazioni non direttamente significative, ma altrettanto importanti, come il radiocomando dei vettori, l'individuazione col radar di missili e aerei, la localizzazione di apparecchiature nemiche, la telemetria, ecc..
    Fino a metà degli anni '60 (lo Sputnik viene lanciato nel 1957) l'osservazione aerea aveva una funzione centrale e gli USA si erano dotati di velivoli in grado di volare ad altissima quota - 16.000 metri - per non farsi intercettare e di effettuare fotografie dettagliate del territorio nemico: celebre fu il caso dell'U2 abbattuto dai sovietici nel 1960. A questa fase seguì quella dominata dai satelliti: ormai sono migliaia questi oggetti orbitanti che, oltre ai compiti civili legati alle telecomunicazioni e alla navigazione - tv, telefonia cellulare, Internet, gps - svolgono attività di intelligence: osservazione, rilevazione di impianti missilistici e di esperimenti nucleari, ricognizione elettromagnetica. Con quest'ultima espressione s'intende in particolare una duplice funzione: la mappatura delle apparecchiature radar degli altri paesi, indispensabile per non far intercettare i propri missili balisitici, e l'ascolto di tutto quanto viaggia nell'etere: ogni comunicazione di questo tipo (ma anche quelle veicolate su cavo), dalla posta elettronica alle telefonate ai fax, può venir agevolmente messa sotto controllo.
    La NSA sovrintende tutto questo sofisticato sistema planetario, che, con il supporto di governi particolarmente amici degli USA (UK, Canada, Australia, Nuova Zelanda), vede una sua componente essenziale nel formidabile e fantascientifico apparato di Echelon: un qualcosa di così avveniristico e complesso che fino a poco tempo fa era considerato una sorta di leggenda inventata dai "soliti antiamericani": ma, come spesso accade, un segreto particolamente prezioso rimane tale proprio per la sua natura eccezionale e letteralmente incredibile.



    FBI



    Il Federal Bureau of Investigation è una filiazione del Bureau of Investigation, creato nel 1908 dal Procuratore Generale Charles J. Bonaparte (un pronipote: nomen est omen...) per coordinare a livello nazionale la lotta al crimine: una polizia federale avente giurisdizione interstatale su tutta una serie di crimini, che tuttavia all'inizio fu ben lontana dall'efficienza cui ci hanno abituato centinaia di film e di serial televisivi (spesso promossi e finanziati dal Governo: non è un caso che gli agenti dell'FBI siano sempre abili, intelligenti, ben vestiti, umani, ecc. ecc.).
    La svolta si ebbe con John Edgar Hoover: grande organizzatore, estremamente energico, riuscì a costruire un apparato di prim'ordine, oltre a tutto facendo credere al grande pubblico che il Bureau fosse semplicemente un corpo investigativo e non un organismo di controspionaggio, una vera e propria polizia politica. Quando nel 1924 entrò a far parte del Bureau, questo aveva poco meno di 600 dipendenti, poche risorse e una fama di grande inefficienza: diventatone direttore cinque anni dopo, Hoover s'impegnò duramente per rafforzare tutta la struttura, dotandola delle tecnologie più sofisticate, decuplicando l'organico (attraverso, però, una selezione durissima; oggi i dipendenti sono più di 30.000, fra agenti e impiegati), instaurando una disciplina interna particolarmente rigida, e innovando in modo radicale le metodologie di approccio al crimine: a lui si devono l'allestimento dell'Accademia nazionale di Quantico per l'addestramento degli agenti, l'immenso archivio per le impronte digitali, i modernissimi laboratori scientifici, le svariate unità speciali (celebre quella che si occupa dell'analisi comportamentale).
    Il comunismo era la bestia nera di Hoover e non si può negare che egli abbia ottenuto successi considerevoli, infiltrando di agenti tutte le organizzazioni della sinistra americana (i maligni dicevano che il PCUSA contasse più sbirri che compagni), distruggendo il movimento delle Pantere Nere, inventando il controllo capillare su tutte le biblioteche in modo da individuare i potenziali sovversivi, dirigendo con impeto la caccia alle streghe; a onor del vero risultati importanti li conseguì anche nel campo strettamente criminale, incastrando Al Capone (1930), eliminando John Dillinger (1934), risolvendo il clamoroso caso del rapimento del figlio di Lindbergh (1935).
    Negli oltre quarant'anni in cui diresse con pugno di ferro l'FBI, Hoover vide passare sette Presidenti (su ciascuno dei quali, naturalmente, aveva cospicui fascicoli) ed accumulò un potere immenso: "Me ne fotto dei diritti civili" usava dire, e i suoi metodi fascistoidi furono la delizia di tutti coloro i quali si discostavano dallo stile di vita americano. Peccato che Hoover stesso avesse qualche vizietto: fu infatti segretamente immortalato in una fotografia che lo ritraeva en travesti durante una delle numerose orge a cui partecipava...
    Teoricamente solo una sezione dell'FBI, l'International Security Division, si occupa del controspionaggio e della sorveglianza politica interna, ma in realtà è tutto l'apparato che svolge questi compiti.
    Ufficialmente la massima priorità dell'FBI è combattere il terrorismo, poi viene il contrasto ad azioni nemiche di intelligence. Il famigerato Patriot Act ha accresciuto notevolmente i poteri dell'FBI, in particolare in tutti i campi dell'intercettazione e della sorveglianza elettronica: il cosiddetto sneak and peek (infiltrati e guarda), ad esempio, autorizza a perquisire un'abitazione mentre gli occupanti sono assenti, senza doverli avvisare se non dopo molte settimane. Poi l'FBI ha potuto riprendere legalmente un'attività già praticata massicciamente, e al di fuori della legge, negli anni '50 e '60: controllare le biblioteche per individuare i lettori potenzialmente "sovversivi".

    Sull'assassinio di John F. Kennedy (1963) non si è mai fatta luce, ma numerose versioni in contrasto con quella ufficiale (ad esempio approvata da uno che di misteri se ne intende, Stephen King) sostengono la tesi del complotto del complesso militar-industriale, con la CIA e Cosa Nostra come elementi operativi, e con la connivenza dell'FBI.

    Importante il film (J. Edgar) di Clint Eastwood.

    USSS

    L'United States Secret Service è l'agenzia che si occupa specificamente della protezione della Casa Bianca. Il servizio venne creato nel 1865 per combattere la falsificazione della valuta, e solo dopo l'assassinio del presidente William McKinley (1901) ha avuto anche l'incarico di provvedere alla sicurezza del presidente e dei suoi familiari. Dal 2001 si occupa anche della criminalità informatica.
    Ha un organico di 5000 persone, di cui 2100 agenti speciali, 1200 agenti in uniforme (agenti segreti in divisa: fantastico...) e 1700 impiegati amministrativi e tecnici.




    NRO


    Il National Reconnaissance Office, creato nel 1960, è l'agenzia del Dipartimento della Difesa USA che costruisce e gestisce i satelliti spia; inoltre coordina la gestione e l'analisi delle informazioni trasmesse dagli aeroplani e satelliti spia militari. Collabora strettamente con le altre agenzie, in particolare CIA e NSA. Il budget dell'NRO si aggira intorno ai 6 miliardi di dollari, ma gli analisti prevedono che nei prossimi anni aumenterà enormemente, in modo che la sua flotta di satelliti sia in grado di coprire in tempo reale ogni angolo della Terra. Già oggi, comunque, le immagini satellitari hanno una precisione millimetrica (letteralmente).




    Department of Homeland Security

    Il Dipartimento per la Sicurezza del Territorio, DHS, non è propriamente un'agenzia spionistica, infatti venne creata per la sorveglianza dei confini e delle coste. Dopo l'11 settembre, l'imponente sforzo del governo statunitense per combattere il terrorismo ha prodotto non solo una mostruosità giuridica come l'USA Patriot Act (acronimo di Uniting and Strengthening America by Providing Appropriate Tools Required to Intercept and Obstruct Terrorism Act), ma tutta una serie di innovazioni e ristrutturazioni negli apparati di sicurezza e di intelligence: si veda, ad esempio, il progetto Matrix (Multistate Anti-Terrorism Information Exchange), nel cui ambito rientrano anche le recentissime misure di controllo esasperato dei viaggiatori.
    Secondo la Casa Bianca la nuova missione del DHS sarà di "prevenire gli attacchi terroristici sul suolo degli Stati Uniti, ridurre la vulnerabilitÓ americana di fronte al terrorismo, ridurre al minimo i danni ed i tempi di recupero successivi ad attacchi che potrebbero avvenire."


    Il resto della cosiddetta Comunità dell'Infomazione vede una moltitudine di organismi, spesso in feroce competizione tra loro, fra i quali spiccano i servizi delle varie componenti del Pentagono: durante la strategia della tensione in Italia, ad esempio, il nefasto ruolo destabilizzante svolto dagli USA è stato esercitato non solo dalla CIA ma soprattutto dai servizi della Marina, essendo la VI Flotta americana la forza armata più presente nello scacchiere mediterraneo.